Archivi tag: animi irrequieti

Lettera a mio proprio.

Spazio spazio io voglio – Alda Merini Spazio spazio io voglio, tanto spazio per dolcissima muovermi ferita; voglio spazio per cantare crescere errare e saltare il fosso della divina sapienza. Spazio datemi spazio ch’io lanci un urlo inumano, quell’urlo di … Continua a leggere

Pubblicato in Senza senso | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Macrohabitat

Siamo la nostra ignoranza, siamo la nostra conoscenza. Siamo quelli che amiamo e quelli che non abbiamo mai saputo amare. Il peggio e il meglio. Tutto e niente, niente e tutto. Siamo stati creati da qualcuno? Oppure, siamo il risultato … Continua a leggere

Pubblicato in Arte in movimento | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Poesia n 1

“Amiamo tanto, ma non ci amiamo mai abbastanza. Un mare eterno, la mente lascia naufragi negli smisurati confini che regala il cuore, insieme al dolore. Un papà come un tronco, la mamma una rosa. Si fotografano insieme e insieme vivon … Continua a leggere

Pubblicato in Rime non baciate | Contrassegnato , | Lascia un commento

Nessuna cosa ha un posto solo.

“Quello che potrebbe essere. Un pensiero forte raccogliere i cocci. Immaginare il destino strano fa intendere e non regala mai. Una nave mesta. Un piccolo porto e un mare abbastanza infinito le luci salutano come a ricordare che ti rivedrò. … Continua a leggere

Pubblicato in Rime non baciate | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Senza un titolo speciale

Siamo soli e questo conta. Corruccio la fronte. Penso a una nave che si allontana lentamente e lascia il segno del suo ricordo. Morbida la scia, bianca e leggera. Calma piatta, ipod. Che io sia pronta o no questa è … Continua a leggere

Pubblicato in Stream of consciousness | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Il Rigoletto – Mantova

A detta di tanti non è un granchè da vedere. Non sono d’accordo. Mi incuriosiva e mi ha lasciato qualcosa: c’è come una tristezza in quella piccola corte dietro Piazza Sordello e infatti leggo la storia: il Rigoletto è un … Continua a leggere

Pubblicato in Mi spiego l'arte | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La quasi-felicità: resoconto di una single, che vive da single.

Quando sei single lo capisci dalle piccole cose. Le grandi ormai le lasci indietro, una macchina? Quella col giusto rapporto qualità/optional/prezzo/tasso sul finanziamento/anticipo richiesto: usare il meno possibile. Una casa? Il monolocale in centro frutto di molteplici appuntamenti in bettole … Continua a leggere

Pubblicato in Stream of consciousness | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

On air: Adele Turning Tables

Le serate pop-decadenti quando arrivano si impossessano. Mi sembra che la cosa più scioccante degli incontri sia che in qualsiasi momento, in qualsiasi modalità – in qualsiasi parte del mondo – ………. Ho una romanticità innata, sono drama. Sono Wordsworthiana, … Continua a leggere

Pubblicato in Stream of consciousness | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Si può dedicare la stessa canzone a due persone?

Vorrei che fosse amore quello che mi fa pensare a te,  la cosa che io sento, vorrei sentirti dire che tu desideri che ti amo da morire, tutto questo bene che mi dai, vorrei che fosse amore ma proprio amore … Continua a leggere

Pubblicato in Senza senso, Stream of consciousness | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Approcci

Ti sei avvicinato. E mi hai dato un bacio. Ma non un bacio. Un bacio fatto di pelle. Di odore. Elettrico. Non avevo la benché minima intenzione di baciare qualcuno che non mi piacesse. E infatti, di lì a poco. … Continua a leggere

Pubblicato in Senza senso | Contrassegnato , | Lascia un commento