Valle d’Aosta

La città di Aosta

1————–2————–3————–4————–5————–6————–7————–8————–9

Spero che riusciate a leggere qualcosa! Altrimenti la trovate facilmente su google immagini! Questa è Aosta, il centro. Volevo spiegare un paio di cosine per chi volesse andarci e fosse curioso di capire cosa c’è. Vorrei premettere oviamente che i parlo secondo la mia esperienza e che vorrei avere mille giorni di tempo per godermi i posti dove vado…

Dunque. All’altezza 3, dove c’è la P del parcheggio c’è Piazza della Repubblica e oserei dire che il centro parte da lì. Grosso parcheggio che sabato pomeriggio e domenica è gratuito! Io avevo affittato un monolocale carinissimo proprio nella prima traversa bianca, per chi volesse posso dare il nominativo: spesa giusta e posizione ottimale. Proseguendo fino a via De Tiller si trovano diversi negozietti di abbigliamento, sport, articoli da montagna, tanti alimentari che vendono pane speciale, miele di diverse varietà e frutta fresca. Piazza Chanoux è il fulcro. A me ha colpito parcchio, sarà che il primo impatto l’ho avuto di sera, mezza coperta di neve, con un gruppo di ragazzi seduti in cerchio che cantavano con una chitarra. Proprio lì c’è l’Ufficio Informazioni con tante brochures interessanti e soprattutto mappe studiate minuziosamente. Ne ho presa una del centro, simile a questa e una della Valle d’Aosta in generale che indica fortezze, castelli, tipicità che si trvano lungo i paesini!

Tra il 4 e il 5, proprio dietro alla piazza c’è una piazzetta minore dove c’è la Cattedrale che ha una facciata molto lavorata e colorata e all’interno sfoggia una navata che non avevo mai visto prima: delle specie di architetture in legno percorrono tutto il corridoio alternandos alle colonne, sembra davvero di essere in montagna 😉

Dritto di lì (altezza 6, riquadro rosa) c’è uno spettacolo per la vista e l’animo. Un back to the past in Epoca Romana, i resti del Teatro. Me li stavo quasi perdendo! Sono conservati bene e un chioschettino distribuisce materiale informativo gratuito tradotto in diverse lingue.

Tornando sulla via principale, lo vedete quel quadratino mezzo rosa e mezzo giallo? E’ Porta Praetoria, una delle Porte Romane che davano il benvenuto in Città. Molto scenica direi, se arrivi da Chanoux vedi un arco nell’arco e dietro la via che scorre. Mi piace quando dentro a un mondo si può percepire un altro mondo. Dal 7 fino all’8 via Sant’Anselmo ci porta fino alla fine del centro storico, fino all’ Arco d’Augusto monumento storico della città costruito nel 25 a.C per volontà del’Imperatore Ottaviano Augusto.

« J’étais si heureux en contemplant ces beaux paysages
et l’arc de triomphe d’Aoste
que je n’avais qu’un vœu à former
c’était que cette vie durât toujours. »
Stendhal
 

Ecco questo è quello che posso dire di aver visto bene e so di poterlo consigliare. So di non aver visto altri punti come la zona intorno allo Stadio e all’Università (il cerchio grigio dell’8) e le altre porte della città! Ah, dimenticavo! C’è un Ponticello Romano altezza 9, attraversato l’Arco e il fiume. Se si riesce a fare uno step back a migliaia di anni fa è suggestivo!

Vi lascio qualche foto 😉

 

Fatemi sapere commenti sulla vostra Aosta!

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...