Romeo&Juliet (ovvero adesso ditemi che non è un genio)

G: Come sei giunto fino a qui? Alti sono i muri del giardino e aspri a scalare; e se qualcuno ora ti scopre, se penso chi sei, questo luogo è di morte.

R: Con le ali leggere d’amore volai su questi muri: per amore non c’è ostacolo di pietra, e ciò che amore può far, amore tenta.

G: Romeo Romeo. Il mio cuore, come il mare, non ha limiti e il mio amore è profondo quanto il mare: più a te ne concedo più ne possiedo, perchè l’uno e l’altro sono infiniti.

R: O felice, felice notte! Io temo, poichè è notte, che sia un sogno il mio, dolce di lusinghe e non realtà.

G: Buona notte, buona notte! Lasciarti è dolore così dolce che direi buona notte fino a giorno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mi spiego l'arte, Stream of consciousness e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Romeo&Juliet (ovvero adesso ditemi che non è un genio)

  1. Clara ha detto:

    Ciò che Amor può far Amore tenta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...